Pneumaticiusati.it

lunedì 21 maggio 2018

Controllo pressione pneumatici: come si fa e con quale cadenza?


Alla base della vostra sicurezza in auto, c’è una procedura semplice ma a cui prestare adeguata attenzione: il controllo della pressione delle vostre gomme.

Un’operazione semplice, da poter effettuare senza necessariamente doversi recare in un’officina, ma determinante per la vostra sicurezza e anche per la salute dei vostri pneumatici. Parliamo del controllo della pressione, che potete fare anche da soli. 
Se state partendo per le vacanze o se le avete in programma, è il caso di leggere questo articolo.

Pressione gomme: qual è il livello giusto?


Iniziamo subito col dire che non esiste una tabella che indica con certezza quale sia il livello ottimale di pressione delle gomme.
Il dato in questione viene fornito dal costruttore, che consiglia la pressione giusta delle gomme nel manuale d’uso della macchina.

In generale però ci sono alcune condizioni di base:
  • l’unità di misura è il bar
  • la pressione delle gomme anteriori è più alta di quelle posteriori (dato il maggior peso che devono sopportare)
  • il livello di pressione ottimale di aggira tra 1.8 e i 2.2.


Importante: il modello della macchina e la potenza del motore sono due indici che influenzano molto la pressione delle gomme: il peso diverso e le dimensioni possono influire sull’esigenza di dotare i pneumatici di più/meno pressione.

 Controllo pressione gomme: ogni quanto? Come?


Sappiamo tutti che le gomme perdono gradualmente pressione. 

Per questo è utile controllarne il livello mensilmente, su tutte e quattro le ruote, per ripristinare la normalità.

Il controllo è molto rapido e semplice, riassumibile in alcuni step e indicazioni:




  • le gomme non devono aver percorso più di 2 km, altrimenti l’aria al loro interno si espande e non consente una misurazione indicativa
  • consultare il manuale della tua auto per verificare la pressione esatta
  • svitare il tappo della valvola posto sul pneumatico
  • posizionare il manometro sulla valvola e inserirlo facendo una buona pressione, finchè non si sente più soffiare dalla valvola
  • grazie all’aiuto del manometro troverete la pressione attuale e potete procedere gonfiando o sgonfiando fino al livello ottimale


Perché il controllo della pressione è importante


Posta la questione sicurezza, controllare la pressione delle gomme è importante perché rallenta l’usura degli pneumatici e consente di risparmiare sul carburante.
Ricordatevi che comunque ogni tanto le gomme vanno sostituite, anche con del buon usato, come quello che trovate su PneumaticiUsati.it.

domenica 13 maggio 2018

Ultimi giorni utili: come scegliere le gomme auto estive

Come avrete letto nel precedente articolo, ci sono ancora pochi giorni per adeguarsi con il cambio gomme estive prima di incorrere in dure sanzioni. Alcuni consigli su come sceglierle. 

Inutile dire che, al di là della questione puramente normativa, cambiare le gomme è fondamentale perché gli pneumatici invernali e quelli estivi hanno caratteristiche diverse, in merito a tenuta su strada e spazi di frenata differenti.

Gomme estive ed invernali 


Le gomme estive sono molto differenti dalle gomme invernali: hanno un battistrada meno aggressivo, un tassello più basso e sono naturalmente sprovvisti di lamella, inoltre sono adatte alle alte temperature.

Questo vuol dire che lo pneumatico estivo ha una maggiore tenuta di strada sull'asciutto.
Gli pneumatici estivi inoltre si differenziano fra loro in simmetrici ed asimmetrici: i primi (detti anche a spina di pesce) riescono a drenare l'acqua molto più facilmente, dunque sono preferibili in quei luoghi in cui i temporali si verificano improvvisamente anche d'estate, mentre quelli asimmetrici garantiscono un ottimo contatto gomma/strada.

Come scegliere le gomme dell'auto estive 


Per scegliere adeguatamente le gomme estive bisogna leggere sul libretto di circolazione il numero dello pneumatico ma anche del cerchio, o in alternativa occorre leggerlo sulla ruota.

Chiaramente questa accortezza vale anche nel caso di acquisto online.


Sullo pneumatico il numero si legge così:

  • le prime tre cifre indicano la larghezza
  • il secondo paio di cifre indica il numero di serie
  • segue la R che sta per raggio ed il numero del diametro del cerchio
  • seguono indice di carico e velocità. 
Leggere l'etichetta prima di acquistare uno pneumatico è un fatto importante perché reca un dato fondamentale: l'indicatore per l'aderenza sul bagnato.
La valutazione è riportata in una scala da A (il massimo della perfomance) ad F (gomma di bassa perfomance). Sono poi indicati il risparmio del carburante, da A a G, e la rumorosità.

Con tutti questi dati potete procedere all’acquisto.
E se volete risparmiare, comprate le vostre gomme su PneumaticiUsati.it.

martedì 8 maggio 2018

Cambio gomme estive 2018: fino a quando la tolleranza?


Ancora qualche giorno di tolleranza sul cambio gomme estive 2018: c’è tempo fino al 15 maggio.

Se non avete ancora cambiato le vostre gomme invernali con quelle estive, è giunto il momento di farlo.
L’obbligo è scattato il 15 aprile ma, tranquilli, le norme prevedono un mese di tolleranza, quindi avete ancora qualche giorno per evitare il peggio! Andiamo per ordine.

Cambio gomme estive: chi è obbligato a farlo?

Prima di passare ai rischi per non aver rispettato l’obbligo, vediamo per chi è vale il suddetto obbligo.

Il motivo per cui è necessario cambiare le gomme invernali entro il 15 maggio (ultima data) è semplice: tenere le gomme termiche anche durante il periodo estivo mette a rischio la sicurezza di chi si trova a bordo, in quanto questi pneumatici sono sensibili alle alte temperature, limitando la frenata e la tenuta della strada.

Questo vuol dire che chi a novembre ha montato le gomme invernali, dovrà necessariamente sostituirle e installare pneumatici adeguati alla stagione estiva.
Ci sono però delle categorie di automobilisti esentati:
  • Chi monta un set di gomme 4 stagioni
  • Chi monta delle gomme con un indice di velocità uguale o superiore a quello indicato dalla carta di circolazione (il numero di cui parliamo si trova in genere sulla spalla della gomma ed indica la velocità massima alla quale è possibile viaggiare)

 Cambio gomme estive: le multe


Al di là delle categorie precedentemente identificate come esenti dall’obbligo, tutti gli altri l’obbligo ce l’hanno eccome! A meno che non vogliano rischiare multe da un minimo di 422 euro a un massimo di 1.682 euro, oltre al ritiro del libretto di circolazione.

Cambio gomme auto: quanto costa?


Il cambio gomme prevede tre voci di costo:

  • Acquisto delle gomme
  • Montaggio delle gomme
  • Custodia delle gomme


Su tutti questi punti si può risparmiare. Come? Per esempio scegliendo dei pneumatici usati, assicurandovi che siano di qualità. Su PneumaticiUsati ce ne sono quanti ne volete, tutti certificati, con costi anche di 2/3 volte inferiori al nuovo.
E per montarle? Rivolgetevi ai nostri punti di montaggio convenzionati.
Il 15 maggio è dietro la porta ;)



mercoledì 2 maggio 2018

Consumo pneumatici: come evitare l’usura precoce delle gomme


Per evitare che i pneumatici si consumino prima del tempo, ci sono degli accorgimenti molto utili. Vediamo quali sono.

La pericolosità dei pneumatici usurati è nota: delle gomme consumate aumentano il rischio di aquaplanning e foratura dato che la profondità e lo stato del battistrada determinano la capacità di aderenza della gomma.

Una gomma estiva liscia, per esempio, registrerà delle prestazioni sul bagnato molto ridotte con conseguente aumento della pericolosità, dato che il rischio è quello di perdere il controllo del veicolo.

La normativa europea prevede che la profondità minima del battistrada debba essere di 1.6 mm su tutta la circonferenza della gomma, nonostante l’aderenza sul bagnato si riduca molto anche prima del raggiungimento di questa soglia.

Ecco perché su alcuni pneumatici sono indicate sia la soglia di diminuzione delle prestazioni sul bagnato, sia quella di usura minima consentita dalla legge. 
A questo si aggiunge che la differenza di usura tra due pneumatici dello stesso asse deve essere inferiore a 5 mm.

Quali precauzioni prendere per evitare il consumo delle gomme?


Ci sono delle accortezze che ritardano l’usura delle gomme e che determinano un consumo pressoché uniforma tra i pneumatici dello stesso asse.

Tra i fattori determinanti l’usura ci sono:
  • Eccessiva vecchiaia
  • Alto chilometraggio
  • Scarsa manutenzione periodica.


Ogni tanto invertite le gomme? Le equilibrate? Le gonfiate? Sono tutte buone abitudini da tenere in considerazione.

Sarebbe bene controllare la pressione delle gomme almeno una volta al mese, invertire gli pneumatici dall’anteriore al posteriore, mantenendo il lato destro e sinistro reciprocamente, dopo circa 10.000/15.000 km, equilibrarle periodicamente, perché un eccessivo squilibrio usura precocemente le gomme e le parti delle sospensioni.

Se la vostra macchina vibra, soprattutto il volante, ad una certa velocità, vuol dire che c’è poca equilibratura. Se si nota un’usura maggiore su un lato della gomma, significa che la convergenza delle ruote non è a posto. Se sono usurate soprattutto all’esterno probabilmente la pressione delle gomme è troppo bassa, se al contrario l’usura maggiore è al centro allora la pressione di gonfiaggio è troppo alta.

Va detto che tutti gli pneumatici sono dotati di un indicatore di usura: un piccolo tassello di gomma sul fondo delle scanalature principali del battistrada che permette di controllare approssimativamente il livello di usura in determinati punti del battistrada.

Abbiamo già parlato della sicurezza? È l’effetto più rischioso di una scarsa cura delle gomme. 

Se vi accorgete che i vostri pneumatici sono troppo consumati e vanno necessariamente sostituiti, vi ricordiamo che su www.pneumaticiusati,it, il nostro shop, trovate delle occasioni irripetibili sull’usato. 

Gomme usate testate e garantite per la vostra sicurezza e… il vostro portafoglio! Acquistate online ;)


lunedì 16 aprile 2018

È l’ora delle gomme estive!


È arrivato il momento di cambiare le vostre gomme con quelle estive. Ecco quali sono le caratteristiche e come orientarsi nell’acquisto.

Arriva la bella stagione e con essa anche le vostre gomme nuove, le estive per la precisione. Se non l’avete ancora fatto, sappiate che dal 15 aprile avreste dovuto già farlo ;)

 Perché vanno cambiate le gomme? 


Gli pneumatici estivi sono quella tipologia di gomme che viene impiegata soprattutto nella bella stagione e che presenta una mescola e delle caratteristiche fisiche particolari per adattarsi alle temperature più alte.

Questo tipo di pneumatici sono progettati per garantire stabilità e aderenza al manto stradale: il loro impiego è consigliato dai 7°-8°C in su, al di sotto di questa soglia, infatti, questi pneumatici hanno la tendenza a indurirsi a discapito della stabilità.

A contrassegnare le gomme estive rispetto a quelle invernali è il simbolo del sole.

Ultima notizia importante: puoi acquistare le tue gomme estive anche online.

Su PneumaticiUsati trovi decine di modelli a prezzi super conveniente. L’unico usato garantito. Provare per credere. 
In più puoi anche prenotare il montaggio presso uno dei nostri punti convenzionati sparsi in tutta Italia!
Acquista online e goditi il caldo ;)


giovedì 22 marzo 2018

Cambio gomme estive 2018: muovetevi per tempo!



Entro il 15 aprile 2018 bisognerà procedere con il cambio gomme dalle invernali alle estive. Muovetevi per tempo per avere possibilità di scegliere tra una quantità superiore di prodotti e prenotate con anticipo il montaggio.

Iniziamo subito col dire che è obbligatorio effettuare il cambio gomme da invernali a estive. L’obbligo non vale per chi monta set di gomme 4 stagioni oppure se le vostre gomme hanno un indice di velocità uguale o superiore a quello indicato dalla carta di circolazione.

Il rischio di non rispettare questo obbligo riguarda delle multe molto salate, da 422 euro a un massimo di 1682 euro, oltre ritiro del libretto di circolazione.

Differenze tra uno penumatico estivo e uno invernale


La principale differenza tra gomme estive e gomme invernali consiste nei tasselli: nelle gomme estive sono pieni rispetto a quelle invernali. 
Inoltre gli pneumatici estivi sono dotati di tre scanalature longitudinali che permettono di fronteggiare meglio l’asfalto bagnato e il rischio di aquaplaning. 
Per concludere, la miscela delle gomme è diversa: gli pneumatici estivi hanno meno gomma naturale, che, presente in percentuali maggiori in quelli invernali, rende i battistrada più elastici.

Gli pneumatici estivi hanno prestazioni decisamente migliori e quindi un minor consumo di carburante, oltre a garantire un maggior livello di sicurezza grazie alla tenuta di strada migliore delle gomme estive, sia in primavera che d'estate.

Quando sostituire le gomme invernali?


L’obbligo di sostituzione delle gomme invernali vige dal 15 aprile 2018 ma conviene sempre muoversi per tempo.

Per quali motivi?
  • Possibilità di scelta tra un ventaglio di prodotti più ampio
  • Possibilità di prenotare con più facilità il montaggio
  • Potete acquistare i vostri pneumatici anche online sul nostro shop ufficiale. 
ATTENZIONE > Fino al 14 aprile abbiamo messo a disposizione su PneumaticiUsati.it un Codice Sconto pari al 5% e valido fino al 14 aprile incluso: inserendo CAMBIO5 potrete approfittarne, ma fatelo prima del 15 aprile!

Prenotate anche velocemente il vostro appuntamento presso il nostro punto di montaggio di Roma (06 4550 5100) se siete di zona, oppure presso quelli convenzionati con Pneumatici Usati e presenti in tutta Italia per assicurarvi un servizio di qualità, assistenza continua, convenienza. 

Sbrigatevi perché le nostre agende si riempiono in fretta ;)


venerdì 16 marzo 2018

Pneumatici: ormai si comprano online!


Sono più di 13 milioni gli automobilisti che scelgono di acquistare i propri pneumatici online. I numeri sono destinati a crescere.

Quando arriva il momento di sostituire i pneumatici, sono sempre di più gli automobilisti italiani che si rivolgono a internet. Esistono ormai moltissimi siti specializzati in vendita online di pneumatici, dal nuovo all’usato.

I vantaggi? Prezzi estremamente concorrenziali e ottimo rapporto qualità/prezzo.

Anche il gentil sesso acquista gomme per auto online quasi quanto gli uomini. 
Aggiungiamo che acquistare gomme online consente di sbrigarsela in poco tempo e con pochi click.

In più le officine accettano di installare gomme che provengono da altri rivenditori.
Sono i gommisti stessi a stringere delle partnership con gli store online per accogliere i clienti che hanno comprato i pneumatici su internet e provvedere all'installazione.
È quello che succede acquistando su PneumaticiUsati.it dove troverete usato garantito, efficienza e assistenza continua, oltre a moltissimi punti di montaggio convenzionati sparsi per l’Italia.
Provare per credere ;)